NASPI: la perdi se non ti iscrivi a Siisl e segui la nuova procedura

State attenti con la NASPI, perché se non vi iscrivete a Siisl rischiate di perdere tutto. Ecco la nuova procedura da seguire.

La NASPI è uno dei trattamenti economici più apprezzati ed utilizzati in Italia. Si tratta di un sistema di pagamento pensato per tutti coloro che hanno appena perso il proprio lavoro, un sussidio economico utile per non rimanere a secco e avere i fondi necessari per la propria sussistenza nell’attesa di trovare una nuova occupazione lavorativa. Per poterne godere però, è necessario rientrare in determinati requisiti e rispettare alcune regole di base.

Ecco cosa fare per non perdere la NASPI
Se non seguite questa procedura, potreste perdere la NASPI – Foto Canva – osservatorioiraq.it

Forse non lo sapevate, ma nel 2024 è cambiato la procedura ed è stata introdotta una nuova opzione che dovreste prender subito in considerazione. Altrimenti rischiate di perdere tutto e di rimanere senza lavoro e con nessun sostegno economico prima di trovare un nuovo reddito. In particolare, da oggi diventa obbligatorio iscriversi a Siisl seguendo quesa procedura. Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo, così sarete certi di non sbagliare mai nulla.

NASPI, ecco come ci si iscrive a Siisl

Per poter godere della Naspi, ossia l’indennità di disoccupazione, bisogna stare attenti at tutti i nuovi obblighi più stringenti a cui bisogna fare conto dopo l’approvazione del Decreto Coesione 2024. A partire dal 7 maggio infatti, è necessario iscriversi a Siisl.

Siisl, perché iscriversi per non perdere la NASPI
Perché bisogna iscriversi a Siisl per non perdere la NASPI – Foto Canva – osservatorioiraq.it

Si tratta di una nuova piattaforma creata dall’INPS e dal Ministero del Lavoro per l’attivazione di percorsi personalizzati di ricerca di lavoro e per il rafforzamento delle competenze per i beneficiari delle nuove misure SFL e ADI. Chi percepisce la Naspi e viene scritto d’ufficio al sistema, dovrà comunque sottoscrivere il patto di attivazione digitale e il patto di servizio. Mentre i centri per l’impiego dovranno individuare le offerte di lavoro più consone alle competenze dei soggetti interessati.

Sarà poi compito per i percettori della Naspi usufruire di Siisl per ricevere le offerte di lavoro, i servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro e la partecipazione a politiche attive e programmi formativi per la collettività. Per poter agevolare il tutto, è stata prevista una fase di precompilazione dei dati grazie alle informazioni già presenti negli archivi di amministrazioni ed enti pubblici. Questi dati potranno poi venire integrati o rettificati. Dovete per forza fare così a livello di legge, altrimenti rischiate di perdere l’indennità e di non aver alcun appoggio economico quando perdete la vostra occupazione lavorativa.

Impostazioni privacy