Assegno di inclusione, l’INPS comunica controlli a tappeto: cosa sta succedendo

Novità riguardanti l’Assegno di Inclusione. In queste ore l’INPS ha deciso di comunicare dei controlli a tappeto: cosa sta succedendo.

Per ottenere l’Assegno di Inclusione ci sono diversi requisiti da soddisfare. In primo luogo, è necessario che nel nucleo familiare sia presente almeno un componente con disabilità, con un grado di invalidità pari almeno al 74%. In alternativa il beneficio può essere richiesto se nel nucleo familiare c’è un minore, oppure un componente con un’età superiore ai 60 anni. È importante che tutti questi requisiti siano rispettati, compresi quelli relativi al reddito e al patrimonio.

Assegno di Inclusione INPS comunica controlli tappeto
Scattano ulteriori controlli per i percettori di Assegno di Inclusione – Foto Editorially Srl – OsservatorioIraq.it

Allo stesso tempo esiste anche un’altra possibilità per ottenere l’Assegno di Inclusione. Questo può essere riconosciuto anche nel caso in cui nel nucleo familiare ci sia un componente in condizione di svantaggio, inserito in programmi di cura e assistenza.

È importante notare che in questo caso potrebbe essere necessario un tempo maggiore per conoscere l’esito della domanda. Adesso però i nuovi controlli dell’INPS potrebbero cambiare le carte in tavola, visto che sta succedendo in queste ore.

Assegno di Inclusione, controlli a tappeto dell’INPS: fai attenzione

L’Inps ha recentemente diramato un’importante comunicazione riguardante l’assegno di inclusione, rivolta soprattutto ai nuovi beneficiari. In particolare è stata fornita chiarezza sulle procedure e sui tempi di erogazione per coloro che hanno presentato domanda nei mesi precedenti. In base a quanto comunicato a partire da febbraio 2024 l’Inps ha trasmesso i codici fiscali dei richiedenti ai Comuni competenti per le dovute verifiche.

Assegno di Inclusione INPS comunica controlli tappeto
Cosa cambia con i nuovi controlli dell’INPS – Foto Ansa – Osservatorioiraq.it

Una volta ottenuta la conferma dalle Amministrazioni e verificati gli altri requisiti di accesso alla misura, le domande verranno gradualmente accolte e avviate per il pagamento. È stato anche annunciato un nuovo servizio che consentirà ai cittadini di consultare direttamente l’esito della verifica sulla condizione di svantaggio e sull’inserimento nel programma di cura e assistenza. Questo nonostante al momento non sia ancora disponibile.

È stata confermata la regola del silenzio assenso: a partire da aprile 2024, le domande per le quali non è pervenuta conferma entro 60 giorni saranno considerate valide e verranno avviate per il pagamento. I pagamenti seguiranno il calendario già stabilito, previsti tra il 15 (per chi attende il primo pagamento o gli arretrati) e il 28 maggio (per le mensilità successive).

Le famiglie che hanno presentato domanda per l’assegno di inclusione, indicando la presenza di un maggiorenne in condizione di svantaggio, potrebbero dover attendere un po’ più a lungo prima di conoscere l’esito della richiesta. Tuttavia è stato chiarito che eventuali ritardi non comporteranno perdite. Infatti l’assegno di inclusione decorrerà dal mese successivo all’attivazione del Patto di attivazione digitale, e le mensilità arretrate saranno comunque liquidate in seguito.

Impostazioni privacy