Speciale Gaza/ Di omicidi e disinformazione

Alain Gresh fa il punto sulla situazione a Gaza prima dell’escalation militare cominciata nell’ottobre scorso e intensificatasi negli ultimi giorni. Il direttore aggiunto di Le Monde Diplomatique denuncia la politica degli omicidi mirati e condanna la complicità dei media nei confronti della propaganda israeliana.

di Alain Gresh * – traduzione a cura di Jacopo Granci

Per capire l’escalation a Gaza è necessario introdurre qualche dato su questo territorio (360 km2, più di un milione e mezzo di abitanti – una caratteristica che lo rende uno dei luoghi del pianeta con maggiore densità di popolazione), occupato da Israele dal 1967.

Nonostante il ritiro dell’esercito dalla striscia (2005), infatti, i suoi accessi con il mondo esterno sono sempre controllati dallo Stato ebraico e la circolazione all’interno è limitata. Il blocco attuato qualche anno fa dura fino ad oggi: per le Nazioni Unite Gaza rimane un territorio occupato.

I dati che seguono sono stati diffusi dall’ufficio dell’ONU per il coordinamento delle questioni umanitarie nei territori palestinesi (OCHAOPT) in un documento del giugno 2012 intitolato Five Years of Blockade: The Humanitarian Situation in the Gaza Strip (in allegato):

– è nel giugno 2007 che il governo israeliano ha deciso di intensificare il blocco di questo territorio, già severamente “sotto controllo”;

– il 34% della popolazione (e la metà dei giovani) è disoccupata;

– l’80% della popolazione dipende dagli aiuti umanitari;

– il PIL pro capite era, nel 2011, il 17% al di sotto di quello del 2005 (considerando l’inflazione);

– nel 2011 solo un camion al giorno usciva da Gaza con prodotti volti all’esportazione, ossia meno del 3% delle cifre di affari registrate nel 2005;

– il 35% delle terre coltivabili e l’85% delle acque riservate alla pesca sono parzialmente o totalmente inaccessibili agli abitanti di Gaza a causa delle restrizioni israeliane;

– l’85% delle scuole sono costrette a fornire un doppio servizio – uno la mattina e un altro nel pomeriggio – a causa del sovrappopolamento.

Ogni guerra, si sa, viene accompagnata da un’intensa propaganda e il governo israeliano è ormai maestro in quest’arte.

Già al momento dell’offensiva di dicembre 2008 -gennaio 2009 avevamo assistito, in questo senso, alla deflagrazione mediatica. Perfino alcuni intellettuali francesi, tra cui l’imbarazzante Bernard-Henri Lévy, avevano contribuito a tale disinformazione.

L’uomo assassinato qualche giorno fa da Israele, Ahmed Jabari, era il capo dell’ala militare di Hamas.

La grande maggioranza dei media lo descrivono come un “terrorista” responsabile di tutti gli attacchi compiuti contro Israele. La realtà, tuttavia, è ben lontana da questo ritratto – senza contare l’utilizzo del termine “terrorismo“, per lo meno ambiguo.

Come spesso accade, è proprio un giornalista israeliano – Aluf Benn – a ricordare che:

“Ahmed Jabari era un appaltatore, incaricato da Israele di mantenere l’ordine e la sicurezza nella Striscia di Gaza. Questa definizione sembrerà senza dubbio assurda a tutti coloro che, nelle ultime ore, hanno visto Jabari descritto come ‘l’archetipo del terrorismo’, ‘il capo del personale del terrore’ o ancora ‘il nostro Bin Laden’.

Tuttavia, questa è la realtà degli ultimi cinque anni e mezzo. Israele aveva imposto ad Hamas di osservare una tregua nel sud e di farla rispettare alle numerose organizzazioni armate insediate nella striscia. L’uomo a cui era stato affidato questo compito era appunto Ahmed Jabari”.

Basta osservare i grafici pubblicati dallo stesso ministero degli Affari Esteri israeliano sul lancio dei razzi palestinesi per rendersi conto che, in generale, la tregua è stata rispettata.

L’accordo è stato rotto dai raid dell’esercito israeliano il 7 e l’8 ottobre 2012, poi il 13 e il 14, provocando un’escalation che da allora continua senza interruzioni.

E, alla vigilia dell’omicidio di Jebari, un’altra tregua era stata conclusa grazie alla mediazione dell’Egitto, come conferma la testimonianza dell’attivista pacifista Gershon Baskin ripresa da Haaretz.

Storicamente, ogni escalation degli attacchi a Gaza fa seguito ad omicidi mirati di militanti palestinesi. Queste esecuzioni extragiudiziali sono una pratica consolidata per il governo israeliano (a cui gli USA hanno dato il loro consenso ormai da tempo).

Avete detto “terrorismo”? Leggete l’articolo di Sharon Weill “De Gaza à Madrid, l’assassinat ciblé de Salah Shehadeh”.

Lo scenario era identico nel 2008. Mentre la tregua era rispettata sul versante palestinese dal giugno 2008, sono stati gli omicidi in novembre di sette attivisti nella Striscia che hanno dato il la all’intensificazione degli attacchi e poi all’operazione “Piombo fuso“.

Sulle violazioni dei cessate il fuoco compiute da Israele negli ultimi anni è interessante leggere l’articolo di Adam Horowitz, “Two new resources : Timeline of Israeli escalation in Gaza and Israel’s history of breaking ceasefires”.

Del resto, è difficile parlare di un vero scontro tra due parti: i razzi palestinesi non sono armi paragonabili agli F-16 e ai droni israeliani. Il bilancio in termini di vite umane, stilato dopo la tregua del gennaio 2009 seguita all’operazione “Piombo fuso”, lo conferma.

L’organizzazione israeliana per la difesa dei diritti umani B’Tselem ha pubblicato un elenco dei palestinesi e degli israeliani uccisi a Gaza tra il 19 gennaio 2009 e il 30 settembre 2012.

271 palestinesi (di cui 30 bambini) e 4 israeliani.

Le cifre parlano da sole.

* La versione orginale dell’articolo, pubblicato su Les blog du Diplo de Le Monde, è qui.

November 17, 2012

nbsp; target=

Allegati: PDF iconocha_opt_gaza_blockade_factsheet_june_2012_english.pdfIsraele,Palestina,Articoli Correlati:

Impostazioni privacy