Bonus Tari 2024 per tutti i cittadini, se fai domanda non dovrai pagare nulla: agevolazione totale

Bonus Tari 2024 agevolazione totale: scopriamo assieme come fare a non pagare nulla e a rimanere in regola.

Ancora in pochi lo sanno ma esiste un metodo per evitare di dover sborsare denaro per sostenere le spese di questa tassa senza delinquere. Si tratta di un diritto dei cittadini che però ancora è poco conosciuto. C’è quindi una procedura da seguire e il termine ultimo per richiedere questo diritto è il 20 giugno 2024.

Bonus Tari 2024: agevolazione totale per tutti
Bonus Tari 2024 – Foto Editorially Srl – osservatorioiraq.it

Che cosa state aspettando a partecipare a questa corsa ai vostri diritti? Si tratta infatti di una iniziativa statale che si fonda su un patrimonio limitato pertanto sarà elargita alle persone aventi diritto e, a parità di requisiti, a chi ne fa richiesta prima.

La tassa viene calcolata in base alla superficie calpestabile dell’abitazione e pertinenze non tenendo quindi conto del reddito del nucleo familiare che vi risiede, ed ecco perché per alcuni questa imposta può essere un vero e proprio salasso. Ma ciò succedeva fino a ieri, oggi andiamo alla scoperta del metodo che vi permette di non pagare questa imposta tanto temuta e odiata almeno quanto l’IMU.

Tari, quando non va pagata

Desta grande stupore quest’ultima novità economica e sociale. Per la prima volta dopo molto tempo i cittadini sentono la vicinanza dello Stato, perlomeno quelli che versano in condizioni più disagiate. Per loro, infatti, è disponibile il Bonus Tari 2024 che è a fondo perduto.

Tari quando non va pagata
Tasse – Foto Pixabay – osservatorioiraq.it

Si tratta di una manovra che punta a dare un po’ di sollievo a quelle famiglie che altrimenti rimarrebbero schiacciate dal peso delle tasse. Requisito indispensabile per accaparrarsi questa possibilità economica è, infatti, avere un ISEE minore di 9.530 euro e questo significa dover vivere con meno di 800 euro al mese.

In alternativa, possono beneficiare di questo bonus anche le famiglie con un ISEE inferiore ai 20 mila euro se hanno almeno 4 figli a carico o i nuclei familiari che beneficiano dell’assegno di inclusione. Stiamo parlando di un’iniziativa che al momento sembra locale. I diretti interessati sono i residenti nel comune di Vernio i quali potranno rivolgersi alla loro Amministrazione Comunale per ulteriori informazioni.

Il via alla possibilità di presentare le domande è stato fissato per lunedì 20 maggio. I cittadini interessati potranno presentare l’apposita domanda cartacea tramite in tre modi:

  • con una PEC a comune.vernio@postacert.toscana.it;
  • raccomandata A/R indirizzata a Comune Vernio, piazza del Comune 20;
  • Ufficio del protocollo del Comune di Vernio dalle 9 alle 12, dal lunedì al venerdì.
Impostazioni privacy