• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Iraq. A Mosul “situazione drammatica”

Le immagini amatoriali che riportiamo sono state riprese ieri, 10 giugno, a Mosul, nel nord dell’Iraq. La città è stata occupata dalle forze dello “Stato islamico dell'Iraq e del Levante” (ISIS), gruppo armato di opposizione al governo centrale di Baghdad e attivo anche in Siria contro il regime di Bashar al-Assad. 

 

 

 

L’offensiva è stata pesantissima. In poche ore la seconda città irachena più grande per numero di abitanti (circa 1,5 milioni di persone) è diventata teatro di caos e disordine, con qualsiasi attività ordinaria cessata immediatamente e strade semi-vuote, occupate solo da auto incendiate, fumi e cittadini in fuga. 

Esercito, polizia e tutte le forze di sicurezza nazionali sono state cacciate via, dopo giorni di duri scontri iniziati il 5 giugno scorso che hanno provocato circa 100 morti, tra civili e combattenti.

Oltre a Mosul, attentati e violenze si sono registrate durante tutto il weekend nell’area di Baghdad, dove un campus universitario è stato tenuto in ostaggio per diverse ore, e nella provincia di Al-Anbar. 

Dal canto loro le forze di sicurezza della vicina regione del Kurdistan non sono state autorizzate all’intervento da Baghdad, da dove il premier Nouri al-Maliki ha dichiarato lo stato di emergenza e invitato “tutti coloro che odiano il terrorismo ad imbracciare le armi”. 

Stesso invito lanciato dal governatore di Mosul, Athil al Nujaify, che ha fatto appello affinché si formino subito dei “comitati popolari” per contrastare gli occupanti. Invito che tuttavia rischia di cadere nel vuoto, dal momento che la città, nonostante sia già stato imposto il coprifuoco, si sta letteralmente svuotando.

Secondo l’IOM (International Organization for Migration) ci sarebbero oltre mezzo milione di persone in fuga dalla città.

La gente si sta muovendo da ovest - dove è iniziata l’occupazione - verso est, oppure cerca di raggiungere altre aree a sud-est della provincia di Ninewa, finora al riparo da attacchi dell’ISIS. Chi ha invece contatti in Kurdistan, a nord – per entrare occorre uno sponsor, una lettera di invito – cerca di rifugiarvisi immediatamente. 

A Dohuk in queste ore sono in allestimento due campi profughi di emergenza, che si aggiungono ai già 12 presenti in tutto il paese, che accolgono circa 210 mila persone in fuga dalla Siria (220 mila in totale, il 97% in Kurdistan). 

Operatori dell'associazione italiana Un Ponte per... al lavoro per assistere i rifugiati siriani, con i quali la nostra redazione è in contatto, confermano che la situazione è molto tesa anche nella regione. “La situazione è drammatica, c’è molta tensione”. 

L’ordine di sicurezza è quello di non muoversi. Il rischio è quello di affollare ulteriormente i checkpoint che permettono il passaggio da una regione o provincia all’altra. 

Uscire dalla città, ad ogni modo, non è affatto facile. Sono centinaia i checkpoint installati nelle strade principali dai combattenti, e altrettanti ve ne sono fuori da Mosul, dove è stanziato l’esercito iracheno per provare a contenere l’offensiva.

In diverse aree della città mancano acqua ed elettricità, e l’unico centro ospedaliero (composto da 4 strutture) è inaccessibile, trovandosi in un’area dove sono ancora in corso i combattimenti. Alcune moschee sono già state adibite per accogliere feriti e malati. 

Ma chi può scappa.

Provando a cercare rifugio in un Iraq sempre più insicuro – secondo l’UNHCR sono almeno 1 milione gli IDPs (sfollati interni), in cui l’occupazione di Mosul rappresenta un ulteriore, drammatico sviluppo. 

 

 

11 Giugno 2014
di: 
Stefano Nanni
Area Geografica: 
Video: 
Articoli Correlati: